Stuttgart, 2020-10-28

Varietà resistenti alla siccità

È un dato di fatto che le estati europee siano sempre più calde e secche. Ciò sta avendo un impatto crescente sul mercato delle piante. Il consumatore finale infatti è sempre più attento: quali piante possono sopravvivere alle ondate di calore, quali richiedono piccole quantità d'acqua e quali più adatte ecologicamente sono le domande più frequenti che pone al coltivatore.
 
Per rispondere agli sviluppi climatici e alle richieste del mercato, in collaborazione con l'istituto di ricerca LVG di Heidelberg, abbiamo testato parte del nostro catalogo varietale per aiuole e balconi al fine di verificare la tolleranza alla siccità. Nell'estate del 2020, 83 varietà di 23 diverse colture sono state piantate e coltivate con solo il 50% circa della quantità d'acqua ottimale. Di ogni varietà abbiamo coltivato una corrispondente coltura con una quantità d'acqua ottimale: in questo modo, colture come Delosperma e Sedum sono state irrigate con 2 l/h, Pelargonium e Phlox per esempio con 4 l/h, Calibrachoa e Osteospermum con 8 l/h e Bidens e Petunia con 12 l/h.
 
Sono stati valutati i parametri "impressione generale" e "danni irreversibili alle piante". La tabella di valutazione, pubblicata da Selecta one e LVG Heidelberg, mostra le varietà che sono state valutate da buone a molto buone nel periodo tra la 24a settimana e la 37a settimana secondo tali parametri.
 
"È stato per noi sorprendente che nel test effettuato presso la LVG di Heidelberg, oltre alle varietà notoriamente adattate alla siccità, come Sedum e Delosperma, anche le varietà della gamma Calibrachoa, come MiniFamous® Uno Double 'LavTastic', 'Rave® Pink '16' e PinkTastic®' e Petunia come 'NightSky®', 'Famous Laser Pink' e 'Royal Sky' hanno resistito la siccità e sono state classificate da buone a molto buone con solo la metà dell’acqua ottimale. Con i risultati dei test, vogliamo concentrare l'attenzione sulle nostre varietà per rispondere alle richieste dei nostri coltivatori e dei consumatori finali", dice Sebastian Mainz (Senior Trade Marketing Manager di Selecta one).
 
Aggiunge Ute Ruttensperger di LVG Heidelberg: "A causa del cambiamento climatico globale, sono previsti eventi di siccità più frequenti e più intensi. Queste estati estremamente calde porteranno nuove sfide in termini di progettazione delle aree verdi residenziali e dei giardini. Le autorità locali e i consumatori dovranno adattarsi all'aumento dei livelli di irrigazione nel prossimo periodo. Aumenterà anche la domanda di varietà con maggiore tolleranza alla siccità e cicli di crescita adattati ai nuovi trend climatici. E soprattutto saranno richieste sempre più piante fiorite che apportano un elevato beneficio in termini di biodiversità. La coltivazione deve rispondere a questo. Infine, è importante che queste informazioni tecniche arrivino ai nostri per garantire un utilizzo il più corretto possibile delle piante".